Nasce Italian Fighting Championship, la nuova promotion di Alex Dandi

A Milano, nasce Italian Fighting Championship

Alex Dandi, voce UFC italiana, ha presentato la sua nuova promotion l’Italian Fighting Champioship, in una conferenza stampa a Milano, nella quale ha illustrato tutte le particolarità e obiettivi.

Per tutti gli appassionati di MMA, Dandi ha presentato 3 eventi nei prossimi 5 mesi, che vedranno impegnati molti e importanti atleti.

Per prima cosa Dandi ha voluto ripercorrere il percorso all’interno delle MMA in Italia e soprattutto quello in Venator:

Negli ultimi 4 anni con Venator ho speso tantissimo, ho avuto tante soddisfazioni ma ci sono state molte cose incompiute. Da maggio 2016 c’è un stato un periodo di blackout, interrotto da eventi partnership Venator come il VCE, ma sostanzialmente si è fermato, per poi riprendere con Venator “Fight Night” a Rimini.

Dopo aver presentato il logo e la grafica delle cinture, Dandi ha illustrato gli obiettivi e su cui si basa IFC:

Sarà una promotion open source. Si potrà diventare sostenitori della promotion con l’Italian Fighting Card.

Voglio mettere a disposizione il mio “know-how”: la mia idea è quella di mettere a disposizione il mio staff per riuscire a creare eventi con certi tipi di standard, come la sicurezza e un matchmaking equo.

Sarà una promotion trasparente, sostenibile, modificabile e condivisibile

Trasparente, perché renderemo visibili i conti economici della promotion. In questo piccolo ambiente c’è diffidenza, la verità è che le persone ci mettono tanta passione, ma ci sono eventi che spendono molto per andare in pareggio. Atleti e appassionati non lo sanno e noi vogliamo aprire a tutti la contabilità. Ci sarà una newsletter per i soci sostenitori, dove verranno illustrati tutti i conti.

Sostenibile, perché siamo riusciti a fare quadrare i conti: nei 10 eventi organizzati, abbiamo perso sempre soldi. Negli ultimi due eventi, Venator Kingdom, in uno abbiamo perso poco nell’altro siamo andati in lieve attivo. E questo l’abbiamo fatto sostanzialmente senza sponsor, perché sono diffidenti di questo mondo. Una delle prerogative sarà avvicinare gli sponsor. Poi le borse degli atleti vogliamo strutturate in modo meritocratico, ci sarà una borsa di partenza che aumenterà in base a quanti combattimenti verranno fatti in IFC e alle vittorie. In tutto ciò cercheremo sempre di ottimizzare anche i costi.

Condivisibile perché io metto a disposizione tutte le conoscenze e contatti per organizzare. Questo “know-how” è a costo zero, non verrà venduto, verrà messo a disposizione, gli unici costi sono quelli delle spese vive, con le borse, l’affitto del locale, etc.. Questo è un progetto che vuole sviluppare lo sport. In questo momento è importante mettere a disposizione il nostro “know-how” per chi ci mette tutta la buona volontà mette tanti soldi, ma non conosce le basi.

Modificabile perché è uno sport giovane che evolve velocemente. Magari ci sono cose che non funzionano e molti degli imput più interessanti li ho avuti dal pubblico. Quindi, chiunque sosterrà IFC potrà compilare delle schede o faremo dei sondaggi e potremmo fare delle modifiche in base a questi suggerimenti.

Per quanto riguarda le categorie di pesi e i primi campioni di categoria Dandi è stato chiaro:

Ci saranno tutte le categorie che vanno dai pesi gallo fino a quella dei massimi leggeri.

Si parte da dove era rimasti con gli stessi campioni di Venator. Gli atleti saranno liberi di difendere il titolo Venator.

Sono stati annunciati tre eventi nel corso della mattinata: il 18 febbraio al Teatro Principe di Milano, il 10 marzo al PalaSport di Dolo, in provincia di Venezia e il 5 maggio sempre a Milano al Teatro Principe. L’intenzione però è quella di fare 7-8 eventi all’anno.

La card del 18 febbraio come spiegato da Dandi si prefigura come una card dedicata ai giovani:

Sarà la notte degli emergenti. Stiamo andando a cercare dei giovani talenti, come Frasineac, ma ce ne sono tanti altri che hanno bisogno di farsi notare. Sarà focalizzato sui 20enni che però sono già professionisti seri.

Questa la card completa:

Poi c’è la card del 10 marzo che metterà in palio 2 cinture per il titolo:

Sarà la notte degli imbattuti. Penini difenderà il titolo contro Leon Aliu. Nella stessa notte abbiamo Manolo Zecchini con Gert Kocani, anche se abbiamo con lui solamente un accordo verbale e ci sarà anche Federico Mini, contro un avversario internazionale

Questa la card parziale:

L’ultimo del trittico di eventi si svolgerà il 5 maggio:

Il 5 maggio sarà la notte dei campioni. Metteremo in palio 3 titoli, con uno che verrà assegnato con un torneo tutto in una notte.

 

Qui la diretta completa:

Photo Credit di copertina: Fabio Barbieri

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *