L’importanza dei preliminari, delle dirette e degli amici.

Gli ultimi due eventi numerati dovrebbero far riflettere molti appassionati su quanto possa essere spettacolare una card preliminare e dunque importante guardarsi un evento nella sua totalità, meglio ancora se in diretta, meglio ancora se con degli amici.

Personalmente amo gustarmi l’evento per intero e in diretta, sentire la tensione crescere mentre ci si avvicina ai match più attesi e ci si inoltra nella notte più profonda. Mi capita talvolta di essere costretto a registrare l’evento, ma le sensazioni che mi dona vederlo in replica il giorno dopo non sono minimamente paragonabili, il mio approccio diventa inevitabilmente più distaccato, magari anche più tecnico, ma molto meno appassionante, le pause fra un incontro e l’altro, che la notte danno una perfetta cadenza alla successione dei match, diventano il giorno dopo un inutile tedio da evitare mandando avanti e passando direttamente alla voce di Bruce Buffer.

L’orario, così arduo e poco accomodante per noi europei, trasforma invece la visione dell’evento in qualcosa di magico, il pretesto per starsene in compagnia di amici fino alla mattina successiva. La notte non ha tempo e in essa le cose prendono forma in modo più solenne ed etereo.

Amici a digiuno di MMA si sono così gradualmente appassionati a questo sport e ora, quasi settimanalmente, mi domandano se per caso non ci sia un bell’evento il fine settimana, la mia saletta cinema diventa così per qualche ora un luogo incantato nella sua oscurità e in quell’atmosfera rarefatta dal fumo, quando gli ospiti sono troppi per il divano, finiscono per accamparsi per terra, il più delle volte, per ospitalità, ci finisco anch’io.

Gli ultimi due eventi numerati, 217 e 218, sono stati sbalorditivi soprattutto perché sorretti da una card preliminare d’eccezione, hanno fomenato un entusiamo smodato fra i miei amici e questo mi ha fattto riflettere sul fatto che coinvolgere una persona nella visione di un evento per intero sia probabilmente il modo migliore per condividere questa passione e far nascere in lui l’interesse per questo sport.
Spesso per accendere la passione di un neofita gli si propina qualche video trovato su YouTube, magari relativo a qualche gesto veramente eclatante, ma raramente si ottiene l’effetto sperato. I gesti anche più sublimi, perdono la loro bellezza se decontestualizzati.

La forza di un evento in diretta si misura anche quando finisce, ormai è mattina inoltrata e il sonno dovrebbe incombere con tale prepotenza da non lasciarci scampo e farci crollare in un sonno profondo, altresì mi trovo nel letto, con gli occhi sbarrati a lasciar fluire dentro la mia mente quelle immagini apparse sul maxischermo per tutta la notte e allora penso che nessuno sport potrebbe fare lo stesso. Nessuno sport potrebbe farmi sentitre tanto vivo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *