Stefano Paternò vs Giorgio Pietrini – Lo spartiacque

La finale del Tutto in una notte del Venator Kingdom diventerà uno spartiacque nella storia delle MMA italiane.

Quello fra Stefano Paternò e Giorgio Pietrini è stato uno dei match più spettacolari nella storia di Venator, ma probabilmente anche delle MMA italiane. Una sfida fra due filosofie contrapposte per quanto riguarda il taglio del peso con Pietrini che taglia come la stragrande maggioranza dei fighter, mentre  Paternò, con un integralismo in questo senso molto apprezzabile , decide di combattere al suo peso, sapendo di affrontare fighter più pesanti, ma con il passare del tempo anche più affaticati.

Lo svolgimento del match ricalca esattamente questa contrapposizione con Pietrini che nelle prime due riprese fa valere la sua maggior fisicità, portando a terra il suo avversario e tempestandolo di colpi in un interminabile ground and pound, poi nel terzo il comeback, con Paternò che dimostra una durezza mentale commovente, aggredisce Pietrini e lo colpisce con colpi violentissimi prima con una combinazione potentissima in piedi, poi scatenandosi a sua volta in un ground and pound furioso. Pietrini prova a rialzarsi ma finisce ancora schiena a terra con Paternò furibondo con i colpi dalla mezza guardia.

E’ un match pirotecnico, Paternò prova a chiudere con una Rear Naked Choke affrettando probamente l’azione , Pietrini, che si dimostra durissimo a sua volta, riesce a ribaltare la posizione grazie ad una scramble e trovarsi in posizione dominante punendo immediatamente la foga del suo sfidante.

E’ sotto Paternò ora e il suo momento sembrerebbe  finito, invece  ha una forza sovrumana Paterò, riesce a rialzarsi ed è ancora irruento nella sua offensiva, la sua combinazione piega ancora una volta le gambe a Pietrini. Ne ha ancora molto Paternò e le sue energie sembrano inesauribili.

Pietrini invece è in debito di ossigeno, ha speso tantissimo e ora arranca, ma non demorde e cerca di respirare dal clinch e poi con una forza di volontà estrema riesce nell’atterramento, stabilizza e attende la fine.

E’ stato un match incredibile, rocambolesco e spettacolare come probabilmente nessuno nella storia delle MMA italiane, un manifesto dell’evoluzione che questo sport ha avuto nel nostro paese.

I due hanno garantito un’intensità sconfinata per tutte e tre le riprese e hanno dimostrato di essere prospetti ambiziosi e ricchi di talento che potranno dire la loro all’interno del panorama internazionale.

C’è tensione durante l’esito dei giudici, ma il pareggio che decretano con una decisione maggioritaria è a mio parere più che giusto: 10-9 i primi due round in  favore di Pietrini, ma un 10-8 sacrosanto per Paternò nella terza ripresa.

Una notte che ha però sancito la vittoria di Venator, il movimento che più di ogni altro ha favorito l’esplosione delle MMA nel nostro paese.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *