Il futuro nei loro pugni: Canada

I migliori talenti canadesi

Aiemann Zahabi (7-0)  Country

Anni 29, peso gallo, Record UFC 1-0

Zhabi.jpg

Muay Thai di altissimo livello, colpi molto pesanti dallo striking, ginocchiate potenti, una buona difesa del takedown e tanta, tanta tecnica per il fratello minore del più noto Firas, suo head coach alla Trystar. Non ha un alta frequenza di colpi, però è molto preciso e sa fare davvero male in piedi. C’era molta attesa su di lui ed è riuscito a riagarla discretamente nel match d’esordio contro Reginaldo Vieira.

Gavin Tucker Country (10-0)

peso gallo, anni 30, “Guv’Nor”, Record UFC 1-0

Risultati immagini per Gavin Tucker

Ha fatto un esordio esaltante contro Sam Sicilia, facendo vedere un footwork all’avanguardia, schivate di corpo, uscite laterali perfette e mani precise e velocissime.
L’ex jazzista che ha scoperta tardi la sua innata predisposizione al combattimento ha davvero impressionato. Vedremo se saprà confermarsi.

Olivier Aubin-Mercier (10-2) Country

peso piuma, anni 28, “The Quebec Kid”, record UFC 5-2

Risultati immagini per Olivier aubin mercier

Fighter abilissimo nelle sottomissioni ne vanta 8 su 9 vittorie in carriera, ma per quanto sia molto più a suo agio nel ground game, il suo striking, caratterizzato anche da buoni calci e da un discreto pugilato, non è da sottovalutare. Utilizza spesso proiezioni derivanti dal Judo, disciplina nella quale è cintura nera e una volta a terra non si accontenta di tentare sottomissioni, ma sa mettere anche buoni colpi.
Ha partecipato all’edizione del TUF Canada vs Australia dove ha prima sconfitto Richard Walsh, sottomesso con una Rear Naked Choke al primo round e successivamente ha schiacciato con il suo wrestling Jake Matthews dopo un inizio piuttosto complesso in piedi.
In finale ha perso contro Chad Laprise per split decision, si è ripreso immediatamente sconfiggendo Jake Lindsey al secondo round con una meravigliosa quanto insolita Inverted Triangle Kimura; poi ha sofferto a tratti lo striking potente di David Michaud in un match altamente spettacolare, ma ha comunque imposto una supremazia piuttosto netta culminata con la Rear Naked Choke dopo due minuti dall’inizio del terzo round. Nell’Agosto del 2015 domina Tony Sims mettendo a segno subito una slam e controllando dalla schiena per tutto il primo round e ripetendo lo stesso gameplan nelle succcessive due riprese ottenendo 11:48 di controllo, ma concedendo davvero pochissimo allo spettacolo.

I suoi limiti più grandi li ha evidenziati Carlos Diego Ferreira nell’incontro successivo nel Gennaio 2016 costringendolo ad un match di striking grazie al suo fantastico BJJ e mettendolo in difficoltà per tutto l’incontro con il suo pugilato superiore. Qui Aubin-Mercier ha davvero palesato uno striking troppo scolastico e poco preciso, con poche idee e diversi limiti di guardia e nella terza ripresa ha subito addirittura la top position del brasiliano ottenuta grazie ad una bellissima fase di scramble.

Il ragazzo però ha carattere e reagisce alla grande: sottomettendo rispettivamente alla seconda e alla terza ripresa Thibault Gouti e Drew Dober sempre per Rear-Naked Choke.

E’ un gran wrestler con una grande predisposione alle sottomissioni; se riuscirà a completare il suo gioco potrebbe divenatre davvero molto pericoloso.

Si allena alla Trystar Gym.

Elias Theodoru (13-1) Country

Anni 28, peso medio, “The Spartan”

Immagine correlata

E’ un wrestler fortissimo fisicamente e duro mentalmente, però ha alcune lacune nelle fasi di striking in particolare è un po’ deficitaria la sua gestione delle distanza e quando colpisce spesso non è sufficientemente preciso seppure porti colpi pesanti. Però è difficile limitare il suo grappling e mette sempre molta pressione al suo avversario.Ha perso soltanto contro Thiago Santos  ma facendosi rispettare nelle fasi di striking, pur pagando la netta superiorrità tecnica del suo avversario e trovando l’atterramento soltanto nella seconda rispresa.

Un grandissimo esordio il suo opposto a Sheldon Westcott dove ha sofferto la fase iniziale dell’incontro uscendo però in maniera prepotente nella ripresa con sequenza pesanti di colpi, slam, e poi una grandine di colpi dalla mezza guardia intervallata da un “Ciao Mamma!” guardando in camera e dimostrando una confidenza davvero incredibile.

Sconfigge l’Ottobre di quell’anno per decisione Bruno Santos dopo un primo round equilibrato ed una crescita importante nelle due successive riprese. Combatte contro Roger Narvaez e dopo un primo round equilibrato lo devasta nel secondo dal ground and pound. Poi perde come ho scritto il match contro Santos, ma reagisce bene vincendo due match consecutivi contro Sam AlveyCezar Ferreira dominato soprattutto attravesro la maggiore frequenz di colpi.

Deve migliorare lo striking, ma sa essere devastante in Ground and Pound perché ha colpi davvero pesanti. Ha un gran fisico ed è molto solido da tutti i punti di vista.
Prospetto interessantissimo.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *