Il futuro nei loro pugni: Europa

Le MMA sono ormai esplose anche nel Vecchio Continente. Scopri chi sono i suoi migliori talenti.

Emil Meek (9-2) Country

Anni 28, Norvegia, peso welter, “Valhalla”, Record UFC 1-0

Risultati immagini per Emil Meek getty image

Emil Meek ha avuto impatto devastante in UFC demolendo un fighter tecnico ed esperto nonostante la giovane età come Jordan Main. Meek ha uno striking potente e un ground and pound impressionate per la violenza dei colpi.
E’ durissimo fisicamente e mentalmente e all’esordio ha dimostrato anche un ottimo cardio finendo con un crescendo rossiniano il match con 35 colpi nel secondo round e 43 nel terzo e con 8:22 di controllo complessivo.
Inoltre è un grande personaggio, da spettacolo quando entra in gabbia ed è probabile che la federazione abbia molti interessi nel volerlo promuovere.

Marcin Held (22-6) Country

Anni 25, Peso leggero, Polacco, Record UFC 0-3

Marcin held

Non fatevi ingannare dal record negativo in UFC di due sconfitte e nessuna vittoria, Marcin Held ha perso in circostanze molto particolari e contro fighter di alto livello. Ha sofferto un po’ a Città del Messico l’altitudine a livello di cardio contro Diego Sanchez non riuscendo così ad imporre il suo ground game, mentre contro Joe Louzon ha subito uno dei più grossi furti nella storia di questo sport, dominando secondo e terzo round e perdendo clamorosamente per split decision. E’ un wrestler devastante, tecnico e molto abile nelle sottomissioni (ben 12 in carriera). Nel terzo match in UFC, contro Damir Hadzovic stava dominando le prime due rirese quando all’inizio della terza è stato incrociato da una ginocchiata su un tentativo di Imanari Roll ed è finito KO.
Fighter talentuoso quanto sfortunato, tre sconfitte in altrettanti m atch in UFC sono un duro colpo alla sua carriera, ma io credo possa rialzarsi.

  GIF

David Teymur(6-1) Country

Anni 27, peso leggero, Svezia, record UFC 3-0

La grandissima prova contro Lando Vannata e le tre vittorie convincenti che hanno caratterizzato il suo arrivo in UFC fanno di questo atleta un prospetto interessantissimo. Con una Muay Thai di alto livello e grande determinazione è sembrato molto evoluto rispetto alla sua esperienza al TUF, facendo vedere miglioramenti importanti soprattutto a livello di ground game. Uno dei suoi punti di forza sembra essere la frequenza e la precisione dei suoi colpi.

vannata-ridimensionato

Tom Breese (10-1) Country

25 anni, peso welter, inglese, record UFC 3-1

Tom Breese 3

Il venticinquenne di Birmingham è uno degli astri nascenti sul quale c’è maggiore attenzione. Con il suo metro e 90 di altezza è enorme per i pesi welter. Mancino dotato di uno striking potente in particolar modo con i calci (front kick e leg kick in primis) e di un valido ground game. E’ un fighter solido, non particolarmente estroso, però completo e può impostare il match interamente sul grappling come è successo contro Keita Nakamura dove l’inglese ha fatto valere la discrepanza fisica in suo favore controllando a terra l’avversario oppure sullo striking come nell’ultimo incontro perso (a mio avviso giustamente) contro Sean Strickland combattuto interamente in piedi e nel quale Breese si era aggiudicato senza dubbio la prima ripresa.
E’ dotato anche di mani pesanti come dimostrano i due TKO ottenuti nei primi due match in UFC contro Jorge Luiz Dutra, sdraiato da un diretto mancino dopo a più riprese aveva tentato invano di atterrarlo e finito dal ground and pound e contro Cathal Pendred annichilito dal suo pugilato per poi essere a sua volta finalizzato dal ground and pound.
In carriera vanta anche 6 vittorie per sottomissione. Gran fisico, tante qualità, una mentalità che sembra quella giusta e la giovane età fanno davvero ben sperare.

Arnold Allen (11-1) Country

23 anni, peso piuma, inglese,”Almighty” Record UFC 3-0

Arnold Allen.jpg

Si è fatto le ossa al Cage Warrior dove ha perso soltanto contro il poacco Macin Vrzosek (noto per aver partecipato all’edizione del TUF dove erano protagonisti come Coach McGregor e Faber e per aver sconfitto David Teymu arrivando in semifinale).
Nel match contro Taotzin Meza ha dimostrato un buonissimo grappling con una valida predisposizione a trovare l’atterramento soprattutto da parete con i body lock outside trip e anche se non è riuscito ad essere così incisivo una volta a terra ha mostrato una takedown defence molto solida. In piedi è pulito tecnicamente, usa discretamente il jab ed è molto attento a non scomporsi. Ha aumentato la sua aggressività proprio negli istanti finali mandando prticamente Knockdown Meza in concomitanza con la sirena e aggiudicandosi il match ai punti.

Nell’ultimo match contro Makwan Amirkhani ha fatto vedere di essere in netta crescita, ha dominato le fasi di striking con un ottimo pugilato, ha difeso benissimo i tentativi di D’arce choke dell’avversario, ha gestito bene la posizione dominante ottenuta in una fase di scramble e ha evidenziato un cardio quasi inesauribile.

Fighter completo con un pugilato molto pulito tecnicamente e un solido ground game.
E’ molto giovane, ha margini di crescita enormi e sembra avere una mentalità vincente.

Volkan Oezdemir (13-1) Country

Anni 27, “No Time”, Svizzera, peso Massimo leggero, Record UFC 2-0

usa_today_9859640.0

Mani pesanti anzi pesantissime, buoni high kick e una certa sfrontatezza per questo svizzero che si è presentato infliggendo una sconfitta a Ovince St-Preux dominandolo in particolare nel primo round e calando comprensibilmente con l’avanzare dell’incontro visto il poco preavviso.
Nel suo secondo incontro si trova di fronte un fighter d’elite come Misha Cirkunov e Odzemir sorprende tutti sdraiandolo dopo una manciata di secondi con un gancio dopo essere uscito alla perfezione lateralmente dopo un primo attacco dell’ucraino.
Il suo terzo match è contro Jimmi Manwua e sono in molti a credere che per il treno svizzero arriverà la prima fermata, invece dopo soli 42 secondi è una combinazione violentissima dello svizzero che dal clinch riesce in modo stupefacente ad imprimere una potenza rara ai suoi colpi stordendo l’inglese e mandandolo dopo pochi istanti KO.
Se è vero che tre indizi fanno una prova schiacciante oggi sarebbe impossibile nutrire ancora qualche dubbio sulle sue reali potenzialità.

Makwan Amirkani (13-2) Country  Risultati immagini per kurdistan bandiera

Anni 28, Finlandia, “Mr.Finland”, peso piuma, Record UFC 3-1

makwan-amirkhani-4.jpg

Prodotto dellla SBG e fighter di grandi promesse. Impossibile immaginare un esordio più eclatante del suo contro Andy Ogle con il fighter di origini curde che scatta al via come un centrometrista e si scaglia armato di una flying knee sull’avversario impattandolo alla perfezione e poi finendolo con i colpi. Erano passati soltanto 8 secondi.

Si è riconfermato ad altissimi livelli anche contro Masio Fullen atterrandolo immediatamente intercettando un calcio, per poi prendere la schiena e finalizzarlo con facilità con una Rear Naked-Choke dopo 1 minuto e mezzo dall’inizio del match.

Contro Mike Wilkinson ha dimostrato ancora una volta di avere un one leg takedown davvero complesso da eludere e portato con grande eleganza e imprevedibilità.
Un takedown che attinge più dalla tecnica che dalla forza. Nel secondo round ha eluso alla perfezione un tentativo di ghigliottina del suo avversario e ha dominato nel wrestling, mentre nel terzo c’è stato un passagio a vuoto dove ha subito il controllo di Wilkinson per poi riprendersi la posizione dominante verso la fine del match.

Nel suo match contro Arnold Allen ha confermato qualche limite nella fase difensiva dello striking e un cardio davvero non ottimale, però ha fatto vedere cose interessantissime a terra dove può sempre essere molto pericoloso. E’ un combattente a mio avviso molto talentuoso con grossi margini di crescita.

Marvin Vettori (11-3) Country

Anni 23, Italia, “The italian dream”, peso medio, Record UFC 2-1

marvin-vettori-ufc-202.jpg

Non è per patriottismo che finisce in questa classifica, Vettori è realmente uno dei prospetti più interessanti del panorama internazionale. E’ dotato di un ground game eccellente da ogni punto di vista, è bravo a trovare i takedown ma sopratutto ha dimostrato di saper far malissimo dalla posizione dominante anche ad atleti che hanno un BJJ di altissimo livello.
Ha una fisicità davvero straordinaria, è potente, espolosivo e anche nelle fasi di striking sa essere pericoloso con la sua irruenza e il peso dei suoi colpi. Dopo una vittoria più che convincente contro Alberto Uda ha perso ai punti co0ntro Antonio Carlos Jr. lasciandosi controllare per troppo tempo e facendo vedere tutto il suo potenziale solo ad intermittenza.
Una sconfitta che non lo ha ridimensionato, ma che potrebbe avergli insegnato tanto.

Combatte il suo ultimo match contro Vitor Miranda e stupisce per le sue evoluzioni tecniche a livello pugilistico. Sfida il brasiliano nel suo campo, quello dello striking, e lo domina con una certa facilità nelle prime due riprese.
Nel terzo round cala un po’, ma gestisce meglio del solito la stanchezza, si rifugia nel ground game e porta a casa una vittoria importantissima.
La capacità di evolversi, che Vettori palesa incontro dopo incontro, potrà essere un fattore importante per il proseguo della sua carriera, ha ambizioni elevate come sappiamo e non le nasconde, ma possiede anche un’etica del lavoro e un potenziale all’altezza di queste.

Darren Till  (15-0) Country

Anni 24, peso Welter, Record UFC 3-0-1

Risultati immagini per Darren till

 

Striker molto talentuoso Till è un fighter che sa far divertire, ma un pugilato di altissimo livello, un ottimo counterstriking, un footwork eccezionale e tanta sfrontatezza fanno di lui anche un prospetto importante.
Dopo aver finalizzato per KO Wendell Oliveira all’esordio, ha pareggiato un match spettacolare contro Nicolas Dalby vincendo le prime due riprese e perdendo 10-8 la terza, poi è rimasto fuori per lungo tempo a causa infortunio ed è tornato il 28 Maggio 2017 con una prova sontuosa contro Jessin Ayari.  

Il 2 Settembre 2017 si scontra contro un altro grande talento come Bojan Velickovic, i due offrono un match altamente spettacolare, ma è Till con delle gomitate dallo stand up, rese superlative dal timing con le quali vengono eseguite e con i suoi soliti colpi pesanti a dominare l’incontro dimostrando anche un grappling difensivo davvero di alto livello.

Eccezionale a livello di striking, è un combattente completo, sa difendersi bene dagli atterramenti ed è in grado anche talvolta di imporre il suo ground game.
Uno dei prospetti più affascinanti al limite delle 170″.

Jack Hermansson (15-3) Country

Anni 29, “The Joker”, peso medio, Record UFC 2-1

Fighter molto duro fisicamente, versatile, dotato di un pugilato potente, ma anche di un wrestling a tratti davvero staripante. Dopo un esordio molto convincente contro Scott Askham, si è fatto sorprendere da Cezar Ferreira con un Arm Triangle-choke, ma è poi riuscito a riprendersi schiacciando con il suo ground game Alex Nicholson grazie ad un ground and pound furioso. Ha mentalità e qualità per fare molto bene, forse non sarà mai un top 5, ma può arrivare nei primi 10.

Risultati immagini per jack hermansson
Ultimo aggiornamento 02/09/2017

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *