Comprendere le nuove regole unificate delle MMA in vigore da quest’anno

E’ bastato il primo evento UFC dell’anno per accendere subito la polemica e suscitare perplessità in merito alle nuove regole unificate delle arti marziali miste. Un cambiamento che non solo rendere utilizzabili tecniche precedentemente vietate dentro l’ottagono, ma soprattutto modifica i criteri di giudizio per l’assegnazione dei punteggi da parte dei giudici, cosa che dovrebbe dare alle MMA maggior indipendenza e riconoscibilità rispetto agli altri sport da combattimento.

Poco prima di fine anno Big John McCarthy, il veterano degli arbitri UFC, aveva rilasciato un video sotto l’egida della California State Athletic Commission per spiegare i cambiamenti introdotti in questo 2017.

 

Heel Kick ai reni

Nonostante Royce Gracie utilizzasse gli heel kick ai reni dalla sua guardia contro Ken Shamrock ad UFC 1, la tecnica è stata in seguito bandita quando le regole unificate cominciarono ad entrare in vigore nel 2000. Anche se ai combattenti era consentito colpire la parte posteriore dalla guardia, i colpi alla colonna vertebrale ed ai reni non era permessi.

600007024

  • Gli heel kick dalla guardia (schiena a terra) ai reni dell’avversario non sono più vietati.
  • Gli arbitri dovranno prestare particolare attenzione affinché gli heel kick non colpiscano la colonna vertebrale.
  • Gli heel kick dalla guardia alle gambe, glutei e schiena dell’avversario restano legali.

 

Afferrare la clavicola

Afferrare la clavicola non è più un infrazione con le nuove regole unificate. McCarthy stesso nel video descrive la vecchia regola come “stupida”. Di tutte le nuove regole questa appare senza dubbio quella che avrà minor effetto data la rarità, se non totale assenza di questo gesto, in un incontro di MMA.

  • Afferrare la clavicola non è più un’irregolarità con le nuove regole.

 

Estendere le dita davanti agli occhi dell’avversario

Le ditate negli occhi sono diventate un flagello per le arti marziali miste negli ultimi anni. Molti combattenti sventolano le mani con le dita estese, nel tentativo di avere un senso della distanza, e spesso i loro avversari ne ricavano come conseguenza una ditata nell’occhio. Questo può condurre ad un sacco di problemi durante l’incontro, o, nel caso di combattenti che soffrano di un distacco della retina, anche un infortunio molto grave che può minacciarne il futuro della tua carriera, come si temeva per Jimmie Rivera dopo il suo ultimo incontro con Urijah Faber.
Jon Jones è senza dubbio uno dei trasgressori seriali per quanto concerne l’utilizzo delle dita estese per valutare le distanze, quindi il suo ritorno nell’ottagono (non prima del 9 Luglio) avrà ulteriore interesse per valutare l’impatto di questa nuova regola.

181513370.jpg

  • I combattenti che estendono le dita verso il viso dell’avversario saranno avvertiti dall’arbitro.
  • L’azione può essere fermata dagli arbitri per dare un avviso (warning) al combattente che commette infrazione. I combattenti possono anche essere avvertiti senza interruzione dell’azione.
  • Dopo essere stato avvertito diverse volte, se il combattente continua a commetere questa infrazione, gli arbitri possono interrompere l’azione e sottrarre un punto.
  • I combattenti posso anche essere squalificati per il ripetersi di questa infrazione.

 

Grounded Fighter

Per lungo tempo si è ritenuto che quando un combattente avesse qualsiasi parte del corpo appoggiata a terra oltre ai piedi , questo lo qualificasse come “grounded fighter”, cosa che non consentiva agli avversari di colpirne la testa con ginocchiate o calci.

Nel corso degli anni questo ha portato molti combattenti ad appoggiare una mano a terra dalla classica posizione in piedi, in situazioni di difficoltà, per negare all’avversario la possibilità di colpire con ginocchiate o calci alla testa. In alcuni casi abbiamo persino visto arbitri dire all’avversario quando poteva o non poteva attaccare con calci e ginocchiate da questa posizione, a seconda della mano a contatto o meno col suolo.

McCarthy ha spiegato la nuova interpretazione di “grounded fighter” così: “Quando parliamo di avversario a terra, quando si tratta di stare in piedi, se sono in piedi e decidono di appoggiare una mano a terra come accadeva in passato, non sono più grounded opponent. Quando si hanno entrambi i piedi a terra, si dovranno avere anche entrambe le mani a terra per determinare una posizione grounded da parte degli ufficiali, dove non è consentito venire colpiti con calci o ginocchiate al volto.”

Big John ha poi aggiunto: “Se un combattente ha entrambe le mani alzate e mette un ginocchio a terra, viene considerato grounded fighter (Vedi Charles Oliveira vs Tim Mean ad UFC 207, NDR). Se abbiamo un combattente con entrambe le mani in aria ed il sedere a terra, è un grounded fighter. Se abbiamo una situazione dove un combattente ha entrambe le mani ed i piedi a terra, va considerato grounded e non può essere colpito legalmente con calci o ginocchiate in faccia sotto questa regola.”

630692418.jpg

  • I combattenti vengono considerati grounded solo quando hanno entrambe le mani, così come i piedi a terra.
  • I combattenti con una singola mano a terra ora possono subire calci o ginocchiate al volto.
  • Una singola mano appoggiata a terra può venire calpestata (stomp kick)  in quanto il combattente non è  considerato grounded.

 

Nuovo sistema di punteggio

McCarthy ha spiegato che il nuovo sistema di punteggio pone maggiore enfasi su striking e grappling, dichiarando di volere che i giudici guardino solo “l’impatto” di ciò che accade nel grappling e negli scambi in piedi per determinare chi ha vinto il round.

“(Striking e grappling) sono i due elementi che fanno un incontro. Se non abbiamo due combattenti che fanno striking o grappling… allora è danza. Non è combattere. Noi vogliamo che voi giudichiate l’efficacia di chi è migliore in questi due elementi. Ovviamente, se il 90% del round è striking vogliamo che sia posta enfasi sullo striking. Se il 90% del round è grappling, la maggior enfasi ricadrà sul grappling.

“Chi sta facendo di più per impattare un incontro e farlo terminare prima del limite? Siamo alla ricerca di grande potenza che ha un impatto sull’incontro. Questo non è un gioco di numeri. Se date più credito ai numeri che alla qualità, state commettendo un errore. Se abbiamo un combattente che mette a segno 6 jab contro un altro che mette a segno un bellissimo destro incrociato che fa male al suo avversario, quello che ha messo a segno il destro incrociato sta vincendo il nostro incontro.”

630702562.jpg

  • Il successo nel grappling e nello striking determina il vincitore dei round.
  • Deve essere data maggior enfasi alla qualità dello striking piuttosto che al volume.
  • Il control delle fasi di grappling viene enfatizzato in un incontro dominato dal grappling.

McCarthy ha inoltre sottolineato i differenti modi di assegnare i punteggi durante gli incontri. Secondo le nuove regole, un round 10-9 sarebbe un round piuttosto equilibrato in termini di scambi con il più aggressivo dei due combattenti che si aggiudica 10-9 il round.

Secondo il nuovo schema, i round da 10-8 verranno assegnati molto più liberamente (Peccato non sia accaduto nulla di tutto ciò nel primo evento UFC del 2017,NDR). Un 10-8 verrà assegnato quando un combattente vince chiaramente un round. McCarthy ha spiegato come gli incontri vengano giudicati sul principio guida delle “Three Ds” (Le 3 D per i non anglofoni, NDR) —damage, domination, duration (danno dominio e durata).

Se un combattente è stato danneggiato e dominato in un round, il round deve essere assegnato per 10-8. Se non esiste l’elemento dominio, i giudici sono invitati a guardare quanto a lungo le fasi del danno si sono protratte e quanto impatto hanno avuto sull’incontro prima di determinare un round da 10-8. Se non c’è danno, i giudici devono guardare alla durata del dominio occorso in quel round.

  • Un round 10-10 viene assegnato per un incontro in completa parità
  • Un round 10-9 viene assegnato nel caso di vittoria marginale del round
  • Un round 10-8 viene assegnato quando vi è un ampio margine tra i combattenti a fine round
  • Un round 10-7 viene assegnato quando ci sono danni e dominio schiacciante in un round

 

Di Alessandro Valzania

Fonte: http://fightland.vice.com/blog/understanding-the-new-unified-rules-of-mixed-martial-arts

2 comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *